Yoga nidra

Oggi nel mondo vengono insegnate numerose forme di Yoga Nidra.

Si tratta di pratiche semplicissime e potenti che possono praticare tutti, al di là dell’età, costituzione o capacità fisiche.

Yoga Nidra è una pratica che deriva dal Mahanirvana Tantra, lo Yoga tantrico della “Grande Liberazione”, dove gli adepti si concentravano sulle varie parti del corpo fisico e sui canali energetici interni con i loro punti focali, i Chakra, inviando a questi delle vibrazioni sonore attraverso particolari Mantra che avevano la funzione di trasportare nel corpo una “coscienza divina”.
I tantrici durante questo Nyasa (Il porre la mente in un punto) giungevano a uno stato meditativo tale da raggiungere la vera liberazione della mente.

Chiamata anche il “sonno dello yogi” è stato messo a punto da Swami Satayananda Saraswati, un maestro famoso dello yoga contemporaneo,  e la sua pratica non solo rieduca al sonno, ma è in grado soprattutto di portare al risveglio della parte più profonda di noi stessi, permettendoci di richiamare le nostre potenzialità latenti. Più semplicemente è una tecnica molto potente, che insegna a rilassarsi consciamente a livello fisico, mentale ed emozionale. E’ uno stato di “sonno dinamico”, cioè di un apparente sonno che però non permette alla mente di perdersi; la coscienza è sempre sveglia e attenta.

Il rilassamento di una pratica di Yoga Nidra equivale a diverse ore di sonno privo di consapevolezza (si dice che un’ ora di pratica equivalga a 4 ore di sonno riposante). Non c’è da meravigliarsi che lo yoga Nidra sia un trattamento di successo per l’insonnia e che produca una netta diminuzione del tempo necessario per addormentarsi.

All’ interno della pratica di Yoga Nidra, si usano delle intenzioni o affermazioni con le quali si riescono a risolvere conflitti repressi, desideri, memorie e impressioni che derivano da esperienze passate. Se l’intenzione viene impressa nella profondità del subconscio, per lungo tempo, porterà certamente i suoi frutti. In due specifici momenti durante la pratica viene  richiesto al partecipante di dire la risoluzione o il Sankalpa. E’ una breve affermazione mentale che si imprime nella mente subconscia quando questa è ricettiva e sensibile. Viene fatto all’inizio e alla fine  della pratica di Yoga Nidra: quella dell’inizio equivale al piantare un seme, quella finale ad innaffiarlo.  Si dice che qualsiasi cosa può fallire nella vita ma non il “sankalpa” formulato durante Yoga Nidra. “Sankalpa” è una parola sanscrita che si può tradurre come “proposito” o “risoluzione”: è un metodo potente per riformare la personalità e la direzione della vita su linee positive. Se sapete che cosa desiderate ottenere dalla vita, il “sankalpa” può essere il creatore del vostro destino, ma prima dovete sapere dove volete andare. Il “sankalpa” è una breve affermazione mentale che si imprime nella mente subconscia quando questa è più ricettiva e deve essere formulato quando la mente è calma e tranquilla. Spesso nella vita normale prendiamo le nostre risoluzioni quando la mente è troppo attiva o disturbata e quando non è pronta a riceverle, spesso si prendono delle risoluzioni intellettuali, ma raramente queste portano frutti, questo succede perché la risoluzione non è stata piantata sufficientemente in profondità. Per avere successo il sankalpa viene invece seminato con forza di volontà e sentimento quando la mente è rilassata, pronta ad accettarlo e ad assorbirlo. La risoluzione va scelta con molta cura e dovrebbe essere utilizzata per scopi elevati, come il raggiungimento della propria realizzazione, ma può essere utilizzata anche per scopi terapeutici. Le parole dovrebbero essere molto precise e chiare, altrimenti non penetreranno nella mente subcosciente.

Se praticata con continuità può essere di grande aiuto per sciogliere tensioni emozionali, mentali e fisiche, correggere abitudini indesiderate e per vincere l’ansia e l’insonnia e dona serenità, stabilità e lucidità mentale, completo rilassamento di corpo e mente. In base alla tecnica utilizzata e alla capacità del praticante si possono raggiungere anche stati di coscienza e consapevolezza molto elevati, fino a  sperimentare  la nostra perenne connessione con l’Universo portando l’esperienza di questa unione anche nella nostra individualità.

Adatto per chi soffre di:

• insonnia,
• tensione muscolare,
• ansia,
• stress,
• paure

Consigliato a:

• sportivi prima della gare per migliorare le prestazioni
• donne in gravidanza
• per chi desidera portare un cambiamento nella propria vita

Gli incontri, sono solitamente svolti come sessioni individuali  e durano circa 45 minuti. Agli iscritti verrà fornito l’accesso per scaricare il file  della pratica dello Yoga Nidra guidato e una dispensa in formato .pdf.

Per info: 338/6250217   info@claudiaboni.com

LO YOGA NIDRA E’ EFFICACE ANCHE PER I PROBLEMI MESTRUALI

Secondo uno studio condotto di recente, lo yoga nidra è in grado di agire positivamente sugli squilibri ormonali che potrebbero provocare dismenorrea (dolori mestruali), oligomenorrea (intervalli eccessivamente lunghi tra una mestruazione e l’altra), menorragia (perdite ematiche troppo abbondanti) e metrorragia (sanguinamento al di fuori dei giorni delle mestruazioni).

Lo studio in questione è stato condotto da parte dei ricercatori della Chhatrapati Sahuji Maharaj Medical University, nello Stato di Uttar Pradesh, situato nell’India Settentrionale, ed i relativi risultati sono stati pubblicati tra le pagine della rivista scientifica Journal of Alternative and Complementary Medicine.

I ricercatori hanno deciso di intraprendere il proprio studio sottoponendo ad uno specifico programma un nutrito gruppo di donne in età fertile con problemi di irregolarità mestruale, composto da sessioni di yoga nidra della durata di 35-40 minuti a cui partecipare per cinque volte alla settimana, nel corso di sei mesi.

Tra le donne partecipanti al programma di yoga, rispetto a coloro che non vi avevano preso parte, in quanto costituenti un gruppo di controllo, sono stati riscontrati mutamenti a livello ormonale, in particolare per quanto concerne ormoni prodotti dalla tiroide. Ciò, secondo quanto dichiarato dagli esperti, è risultato utile nel miglioramento dei sintomi correlati ai problemi mestruali dovuti agli squilibri ormonali.

Spread the word. Share this post!

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.